Feed RSS Canale Google+ Preferiti Newsletter
Twitter FriendFeed Facebook Youtube
EcoBot-III: gli scarti umani alimentano un robot

EcoBot-III: gli scarti umani alimentano un robot

EcoBot-III, il robot alimentato con gli scarti umani.

Dal Bristol Robotics Laboratory, laboratorio di robotica dell’Università di Bristol, arriva una soluzione intelligente e futuristica per la cosiddetta auto-sostenibilità: EcoBot-III.

Si tratta di un robot, conosciuto anche come BREADbot (Bio-Regulation and Energy-Autonomy with Digestion), che trae la propria energia dalla produzione di combustibili biologici ottenuti dal riciclo di qualunque scarto umano e materia organica, escrementi compresi.

La particolarità di EcoBot-III è quella di possedere un vero e proprio stomaco, composto da 48 celle a combustibile microbico alimentate da urina e feci, ma anche da avanzi di cucina e scarti vegetali di ogni genere, e di espellere a sua volta degli scarti.

L’utilità del progetto, pubblicato dalla rivista Physical Chemistry Chemical Physics, è quella di aver realizzato un robot che non potrà mai essere a corto di energia, potendo utilizzare combustibile praticamente inesauribile.

Lo stesso progetto, finanziato tra gli altri anche dalla Fondazione Gates, interessa anche la NASA, che da tempo sta studiando un modo per trasformare in energia elettrica gli escrementi degli astronauti in missione nello spazio.

Il Bristol Robotics Laboratory ha anche pubblicato un filmato che mostra in azione il robot EcoBot-III, che vi consigliamo di guardare per comprenderne meglio il funzionamento.




Abbonati al Feed RSS e rimani aggiornato sulle ultime notizie!
Seguici anche dal tuo dispositivo mobile!
Aggiungici ai Preferiti!
Iscriviti alla Newsletter

Lascia un Commento

  • Devi essere LOGGATO per postare un commento.
    *Se non hai un account, REGISTRATI subito!